Il Consiglio di disciplina è un organismo previsto dal DPR 137/2012 (riforma degli ordinamenti professionali); le norme per la sua costituzione e il suo funzionamento sono contenute nel Regolamento pubblicato il 30 novembre 2012.

La nomina dei componenti effettivi e supplenti il Consiglio di Disciplina territoriale per il quadriennio 2022/2026 è avvenuta in data 15/09/2022 con provvedimento prot. n. 1874 del Presidente del Tribunale di Rieti Pierfrancesco de Angelis, a seguito di trasmissione dell’elenco delle candidature da parte del Consiglio dell’Ordine avvenuto in data 01/09/2022 con nota prot. n. 692.

Il nuovo Consiglio di Disciplina territoriale per il quadriennio 2022/26, in ottemperanza a quanto disposto dagli artt. 5 e 7 del Regolamento per la designazione dei Componenti i Consigli di Disciplina Territoriali degli Ordini degli Ingegneri, adottato dal CNI nella seduta del 23 Novembre 2012 e pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 22 del 30 Novembre 2012, si è insediato in data 10 Ottobre 2022, presso la sede dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rieti, giusta comunicazione di insediamento Prot. N. 0000853 del 19/10/2022.

Questa la composizione del Consiglio territoriale di disciplina presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rieti quadriennio 2022/26:

Presidente:
Avv. Cesare CHIARINELLI
Segretario: Ing. Marta PETRANGELI
  Ing. Alfredo DI LORENZO

Ing. Ubaldo VALENTINI

Ing. Alberto DI FAZIO

Ing. Domenico MILUZZO

Ing. Luciano TRIBIANI

Ing. Alessandro BONCOMPAGNI

Ing. Gianluca GIOVANNELLI

Ing. Alessandra GIANNI

Ing. Iunior Cristian VULPIANI

Si fa presente che – per espressa previsione normativa – finchè non si sia completata la procedura, con l’effettivo insediamento del nuovo Consiglio di disciplina territoriale, il Consiglio di disciplina ora in carica continua ad esercitare le proprie funzioni, non potendoci essere una cesura ed un vuoto nella titolarità della imprescindibile potestà disciplinare sugli iscritti (ex art.7, comma 4, del Regolamento sui Consigli di disciplina territoriali – Il principio secondo il quale la durata dei Consigli di disciplina è pari a quella dei corrispondenti Consigli degli Ordini territoriali degli Ingegneri viene quindi ad essere temperato dalla previsione ex art.7, comma 4, del Regolamento per la designazione dei componenti i Consigli di disciplina territoriali, in base al quale il Consiglio di disciplina in carica “esercita le proprie funzioni fino all’insediamento effettivo del nuovo Consiglio di disciplina”)

Segnalazioni e richieste di informazioni possono essere inviate alla casella ordine.rieti@ingpec.eu.

Secondo gli articoli 3 e 4 del regolamento, possono far parte del Consiglio di disciplina territoriale gli ingegneri che:

  • siano iscritti all’albo da almeno 5 anni;
  • non rivestano la carica di consigliere, revisore o qualunque altro incarico direttivo presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rieti;
  • non rivestano la carica di consigliere del Consiglio Nazionale degli Ingegneri;
  • non abbiano legami di parentela o affinità entro il terzo grado o di coniugio con altro professionista eletto nel Consiglio dell’Ordine di Rieti;
  • non abbiano legami societari con un professionista eletto nel Consiglio dell’Ordine di RIETI;
  • non abbiano riportato condanne con sentenza irrevocabile (salvi gli effetti della riabilitazione) alla reclusione per un tempo pari o superiore a un anno per un delitto contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica, contro il patrimonio, contro l’ordine pubblico, contro l’economia pubblica, ovvero per un delitto in materia tributaria; alla reclusione per un tempo pari o superiore a due anni per un qualunque delitto non colposo;
  • non siano o non siano stati sottoposti a misure di prevenzione personali disposte dall’autorità giudiziaria ai sensi del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, salvi gli effetti della riabilitazione;
  • non abbiano subito sanzioni disciplinari nei 5 anni precedenti la data di presentazione della propria candidatura.

VISUALIZZA L’ALBO